top of page
messa.jpg

VOLUMELLA | 28 Mar - 4 Apr MMXXIV


GIOVEDI 28

Dove: Freakout Club Ingresso: Up to You!/// Riservato soci AICS


LOVE GANG

Dal catalogo Heavy Psych Sounds Records, rock ’n roll band da Denver, Colorado, formata nel 2015. I Love Gang sono un throwback verso gli anni d'oro del rock'n'roll, quando gli amplificatori andavano a palla, i capelli erano lunghi e le droghe costavano poco. Influenzati dal rock underground e oscuro degli anni Settanta, riescono a mantenere un sound classico e vero, mentre al contempo creano dei pezzi avvincenti e originali che evitano di dare l'impressione di averli già sentiti prima altrove. Alla Love Gang piace suonare veloce con un'energia devastante piena di boogie blues, di chitarroni psichedelici insieme a un organo hammond molto croccante.

Genere: Blues-Rock | Heavy-Psych | Psych-Rock


ANUSEYE

Anuseye è una band made in Puglia della new psych-rock era che affonda le sue radici nei primordi del '60s & '70s rock spaziando tra momenti più bluesy ed altri. più heavy, non tralasciando mai episodi lisergico/psichedelici.

Genere: Hard Psychedelic


SANDSTRIKERS

Doom-Sludge band ipnotica da Bologna

Genere: Doom-Metal | Sludge


 

VENERDI 29

Dove: Freakout Club Ingresso: 10€ in prevendita QUI Riservato soci AICS


LVRA

Per risolvere la complessità paradossale di ‘Soft Like Steel’, nuovo EP della DJ e producer londinese di origini cinesi Rachel Lu, è necessario addentrarsi nelle dicotomie misteriose tra il buio e l'anonimato del nightclubbing, la spinta catartica dell’estraneità condivisa e l’idea che sia possibile allontanare i propri demoni ballando. Caratterizzato dall’ombra di una densa nuvola cibernetica che sovrasta anche gli episodi più euforici del suo repertorio, il sound design di LVRA è 'anthemico' e sperimentale sulla scia di artiste come Sophie e Grimes, mescolando in un cut-up sonoro caotico e imprevedibile elementi provenienti dall’hyper pop, dall'elettronica deconstructed e dall’R&B.

Genere: Elettronica | Hyperpop | UK Bass


RIEKO WHITFIELD

Alle origini della pratica multidisciplinare di Rieko Whitfield, artista di stanza a Londra e direttrice del collettivo e centro di ricerca sulla performance art Diasporas Now, c'è uno studio di mitologia speculativa che discende dalle sue radici giapponesi e indaga i temi della rinascita e della cura. Attraverso una combinazione di meditazione, suono, movimento e scrittura, le sue performance trascendono i confini tra musica, filosofia, arte e spiritualità, rivelando un profondo senso di interconnessione e l’innesco di sofisticati processi di guarigione collettiva.

Genere: Sperimentale


TO VAN KAO

Ispirata dalla musica tradizionale vietnamita e dalle esuberanze di generi come grime, techno, UK bass e deconstructed club music, To Van ha trovato il suo punto di equilibrio in una formula energica, eclettica e inconsueta, che le ha consentito di rivelare regolarmente la portata delle sue influenze sulle onde radio di Rinse FM e all’interno di Club Paradoxe. Oltre alla sua attività da DJ, produce e canta per una moltitudine di progetti e per Otto Diva, duo synthwave formato con Le Dom che al 2023 sta dragando le rotte notturne dell’underground francese.


 

SABATO 30

Dove: Freakout Club Ingresso: 10€ in prevendita QUI Riservato soci AICS


TRIBAL NOISE | reunion con formazione originale

I Tribal Noise sono stati negli anni '80 una delle band più significative e rappresentative di Bologna, con un nutrito seguito di fans e prospettive che parevano più di semplice speranze. Sonorità dark e new wave, batterie tribali e atmosfere vicine a Joy Division, The Cure e Siouxsie and The Banshees, che nel tempo si avvicinarono a un post-punk più aggressivo e distorto. Anche i testi, in italiano, incarnavano alla perfezione lo spirito dell'epoca (e che risultano ancora oggi sorprendentemente attuali in alcuni passaggi). In quegli anni di intensa attivtà live non c’era strada del centro storico dove non comparisse il loro nome sui muri e nel 1986 entrarono in studio di registrazione per la C.A.S. records, l’etichetta della storica punk-oi band Nabat.

Genere: New Wave | Post-Punk | Original 80s



OBSEXED

Un’inquieta esplorazione del disagio pandemico e odierno, tra riti voodoo e danze tribali, in un crescendo mostruoso di sonorità oscure e disturbanti. Fra gli spettri di questo incubo ancestrale dominano pulsazioni malate di basso, loop vorticosi di chitarra e droni siderali che, come archi sonici sul punto di implodere, vanno a plasmare un wall of sound psichedelico, ipnotico, quasi liturgico. Una cerimonia rituale intensa e dilaniante, dove la voce sembra provenire dall’interno di una bara e ogni strumento suona buttando fuori un impeto primordiale, violento. Tutto così magnetico da stregare.


Genere: Noise | Post-Punk


AFTERSHOW SELECTA: FELIX & LORENZ (IF THE KIDS ARE UNITED)


 

DOMENICA 31

Dove: Freakout Club Ingresso: Up To You!/// Riservato soci AICS


KARITI

Il secondo album di kariti, artista russa di base a Trieste, allunga le sue trame su quella landa vasta e oscura che è, sì, la dimora dei mortali, ma è in primis la madre terra. Se l’esordio Covered Mirrors del 2020 omaggiava i cari estinti e marciava attraverso il lutto, prediligendo il folk acustico, Dheghom vede la luce – per modo di dire… – dalla dannazione del vivere e si abbarbica alla realtà che calpestiamo tutti i giorni. Gli eventuali termini di riferimento restano i medesimi: da Nico a Marissa Nadler, alla Chelsea Wolfe degli esordi, sino a Steve von Till e David Eugene Edwards. Il raggio d’azione, però, si amplia: sia con il cambio di etichetta, dall’italiana Aural Music all’olandese Lay Bare Recordings, sia con il coinvolgimento – oltre a Marco dei Grime alla chitarra e agli effetti noise – di ulteriori musicisti a rendere il sound più corposo e ambizioso. Il passaggio è efficacemente garantito da grande asciuttezza formale e salda visione d’insieme. (Credits)

Genere: Ambient-Folk | Dark Atmospheric | Horror Synth


ROXENNE

Multistrumentista, suona pianoforte, synth, sitar, strumenti a percussione e chitarra. Ad oggi ha alle spalle numerosi concerti di musica classica, jazz e rock psichedelico. Ha collaborato con Boris Williams (The Cure) e Jem Tayle (Shelleyan Orphan), Cristiano Godano (Marlene Kuntz), Upupayama, Ayahuasca, Marvin&Guy, Kaptain Preemo.

Genere: Psych-Pop


 

LUNEDI 1

Dove: Freakout Club Ingresso: Up To You!/// Riservato soci AICS


ZOLFO

Band pugliese doom/sludge da poco sotto la Spikerot Records. La proposta della band è un qualcosa di particolarmente intenso e violento, influenzata da Iron Monkey, Ufomammut e Bongzilla, capace però di spingersi oltre, andando su territori funerei, anche grazie alla voce, allo scream di Dave, lontani dal doom/sludge più caciarone, dando per l’appunto quelle piccole sfumature funeral e black che ben si integrano allo stile della band, ai suoi lati più psichedelici e sperimentali.

Genere: Doom | Sludge


3000 MONKIES

For the past years, 30,000 Monkies have been stalwarts of the Belgian noise rock scene. Each release, from ‘Somewhere Over The Painbow’ to ‘Are Forever’, is stuffed with pounds of suave sludge and riffs that sound like a zillion champagne corks popping all at once. These boys from Beringen are consistently loud and luxurious, sticking out like a stockbroker in corpse paint. Above all, 30,000 Monkies celebrate the eternal victory of rock with sparkling showers of bubbly.

Genere: Experimental metal | Noise


 

GIOVEDI 4

Dove: Freakout Club Ingresso: 10€ in prevendita QUI oppure 15€ alla porta Riservato soci AICS


CAMILLA SPARKSSS

Da oltre dieci anni componente della band svizzera post-punk Peter Kernel, la canadese Barbara Lehnoff rimette in campo il suo alter ego CAMILLA SPARKSSS. Anche in questa avventura parallela, la musicista si avvale della collaborazione del compagno di avventura Aris Bassetti, dando libero sfogo a tribolazioni electro-punk e fulminanti intuizioni pop in costante antitesi con le regole del mainstream. Il mosaico di stili, filtrato da frammenti di elettronica e musica sperimentale, magistralmente destrutturato grazie all’ausilio dei suoni catturati dai giradischi e dai suoi synth vintage, è animato da uno stimolante dinamismo creativo.

Genere: Electronic | Noise | Cold Wave


BORDER.

Si scrive proprio così, col punto finale ad indicare che non esistono confini, in geografia come nell’arte. I Border. hanno un sound estremo, senza compromessi, ritmi ossessivi che riassumono gli ultimi quarant’anni di punk e industrial, una perfetta sintesi tra Siouxsie, The Prodigy e the Cramps. I Border. sono Demi More, produttore di musica elettronica, e Erika Spada, cantante e attrice dedita alla drammaturgia.

Genere: Synth-Punk


 

37 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page